Contact UsItalian - Flavor Consortiu,Engliah Version
Italian - Flavor Consortiu,
Producers Products Italian - Flavor Consortiu, What We Do About Us
 
 
HOME
Produttori
  Diventa un Associato
  Registra Prodotti
Prodotti
  Vino
  Liquori
  Oli Vegetali
  Aceto Balsamico
  Altri Prodotti
Cosa Facciamo
  Consortium
  Forum
  Marketing e Pubblicità
NEWS
  Sorsi DiVino
  Italian Flavor Forum
  Premi e Concorsi Vinti
  Vitigni Autoctoni Italiani
  Indice Generale
Ricerca Avanzata
Chi Siamo
Contattaci
Mappa del Sito
English Version
Pagina Precedente

Vini e prodotti enogastronomici italiani di qualità selezionati da:
WineCountry.IT
Acquista vino italiano di qualità negli USA Acquista vino italiano di qualità negli USA
Visita la più ricca galleria virtuale di etichette di vino italiano • Oltre 1.000 immagini  Galleria Internet con oltre mille etichette di vino italiano

SEI QUI >>


Vitigni Autoctoni Veneti – Seconda Parte
Rosa D'Ancona – 10 Giugno 2007



Vitigni a bacca bianca

  Garganega
  Garganega
  Prosecco
  Prosecco
  Corvina Veronese
  Corvina Veronese
  Rondinella
  Rondinella
  Molinara
  Molinara
  Raboso Piave
  Raboso Piave
   

Garganega
Descritto come vitigno coltivato nel veronese e nel vicentino alla fine del 1800, questa varietà trova la propria zona di elezione nelle zone di Soave e Gambellara. Se ne ricava un vino asciutto, leggermente amarognolo e armonico.

Prosecco
Probabilmente originario di un paese in provincia di Trieste, dal quale prende il nome, di questo vitigno si hanno notizie sin dai tempi più antichi, pare addirittura che fosse già noto ai tempi dell’Impero romano.

Coltivato oggi nella zona che va da Valdobbiadene a Conegliano, questo vitigno dà vita ad un vino spumante conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo. Il Prosecco dà al vino la ricca struttura, ma altre varietà autoctone, quali il Verdisio, la Bianchetta e la Perera, aiutano a mantenere l’equilibrio organolettico di questo apprezzato spumante.

Verdisio
Coltivato sin dal 1700 nella zona di Conegliano, questo vitigno si trova oggi prevalentemente nel trevigiano e, oltre a concorrere nella composizione della DOC Conegliano-Valdobbiadene, viene usato anche nella composizione del vino passito Torchiato di Fregona. In particolare è impiegato nella vinificazione del Prosecco per aumentare l’acidità e sapidità ed equilibrare la componente acida nelle annate calde.

Vespaiola
Pare che il nome faccia riferimento all’attrazione che quest’uva esercita sulle vespe in periodo di vendemmia, in virtù dell'alto tenore zuccherino degli acini.

La sua coltivazione è diffusa nel vicentino e se ne ricava un vino acidulo.

Vitigni a bacca rossa

Corvina Veronese
Menzionato per la prima volta nel 1824, questo vitigno coltivato attualmente in tutta la zona della Valpolicella, del Bardolino e del Garda Orientale prende il nome dal colore corvino del vino che si ricava. Generalmente utilizzato insieme alle uve Rondinella, Molinara, Rossignola, questo vitigno dà un vino di colore rosso rubino con riflessi violacei, acidulo, un po’ tannico, di corpo vinoso (Valpolicella DOC, Ripasso, Amarone).

Rondinella
Anche questo vitigno viene coltivato prevalentemente nella zona della Valpolicella e Bardolino. Se ne ricava un vino dal colore rosso rubino intenso, molto alcolico e tannico ma dal profumo intenso. Generalmente viene vinificato in blend con altri vitigni locali.

Molinara
Di questo vitigno si hanno notizie a partire dal 1800 e il suo nome è dovuto all’abbondante presenza di pruina sugli acini che fa sì che l’uva sembri quasi infarinata; ciò gli è valso il soprannome di Mulinara, cioè di 'uva del mulino'.

Oggi questa varietà è coltivata particolarmente nelle zone del Garda, in Valpolicella e in Valpantena. Se ne ricava un vino dal colore piuttosto scarico, mediamente alcolico e leggermente frizzante.

Raboso Piave
Questo vitigno autoctono della zona del trevigiano prende il nome dalle caratteristiche del vino. Si tratta infatti di un vino 'rabbioso al palato' per la presenza di tannini e acidità particolarmente aggressivi.

Attualmente viene coltivato nelle province di Treviso, Vicenza, Venezia, e Padova. Se ne ricava un vino dal colore rosso rubino intenso, acido e tannico.

Raboso Veronese
Presente nella zona di Treviso sin dall’800, questo vitigno non deve essere confuso con il Raboso Piave. Coltivato attualmente nelle province di Venezia, Vicenza e Rovigo dà un vino dal colore rosso rubino intenso, dal gusto acido e leggermente tannico.

Le aziende selezionate (produzioni Doc)

Etichetta: Amarone della Valpolicella Classico Acinatico

Etichetta: Corvina La Poja

Etichetta: Prosecco Valdobbiadene DOC Spumante Brut – Ruio

Etichetta: Amarone della Valpolicella Domìni Veneti

Etichetta: Bardolino Classico Vigna Morlongo

Etichetta: Bardolino Superiore Santa Lucia

Etichetta: Bianco di Custoza Vigneto Monte Fiera

Etichetta: Breganze di Breganze

Etichetta: Recioto di Soave DOCG – Tre Colli

Etichetta: Colli Berici Cabernet Casara Roveri

Etichetta: Raboso DOC Piave

Etichetta: Colli di Conegliano Torchiato di Fregona

Etichetta: Colli Euganei Fior d’Arancio Passito Alpianae

Etichetta: Piave Raboso

Etichetta: Prosecco di Valdobbiadene Dry Garnéi

Etichetta: Recioto di Soave Acinatium

Etichetta: Vigneto di Monte Lodoletta


 
 
Home
 

Web Architect: Loris Scagliarini