Contact UsItalian - Flavor Consortiu,Engliah Version
Italian - Flavor Consortiu,
Producers Products Italian - Flavor Consortiu, What We Do About Us
 
 
HOME
Produttori
  Diventa un Associato
  Registra Prodotti
Prodotti
  Vino
  Liquori
  Oli Vegetali
  Aceto Balsamico
  Altri Prodotti
Cosa Facciamo
  Consortium
  Forum
  Marketing e Pubblicità
NEWS
  Sorsi DiVino
  Italian Flavor Forum
  Premi e Concorsi Vinti
  Vitigni Autoctoni Italiani
  Indice Generale
Ricerca Avanzata
Chi Siamo
Contattaci
Mappa del Sito
English Version
Pagina Precedente

Vini e prodotti enogastronomici italiani di qualità selezionati da:
WineCountry.IT
Acquista vino italiano di qualità negli USA Acquista vino italiano di qualità negli USA
Visita la più ricca galleria virtuale di etichette di vino italiano • Oltre 1.000 immagini  Galleria Internet con oltre mille etichette di vino italiano

SEI QUI >>


Vitigni Autoctoni Umbri – Prima Parte
Rosa D'Ancona – 1 Aprile 2006



Introduzione

 
In Italia e in Europa ricerca e prenota con sicurezza il tuo hotel su Internet.
 
Destinazione
Data check-in
Data check-out

La viticoltura in Umbria ha una tradizione profondamente radicata. Numerosi ritrovamenti archeologici testimoniano il contemporaneo impegno di due popoli, gli Etruschi e gli Umbri, per la diffusione della coltura viticola ancora prima dell'arrivo dei Romani.

Ad ulteriore dimostrazione della vocazione vitivinicola della regione, contribuiscono le condizioni pedologiche, climatiche, colturali e culturali e la presenza di vitigni di pregio.

Dal punto di vista ampelografico, la regione è ricca di varietà autoctone, fra le quali si contano Grechetto, Verdello, Drupeggio, Procanico, Trebbiano Spoletino e le Malvasie come varietà a bacca bianca, oltre a Sagrantino, Sangiovese e Ciliegiolo fra le varietà a bacca nera. Pur sussistendo le condizioni ottimali perché questo comparto assumesse un ruolo di primo piano nell'offerta agroalimentare della regione, per parecchi decenni anche l'Umbria ha rivestito il ruolo di 'serbatoio', dal quale attingere prodotti a vantaggio delle aziende più importanti delle regioni limitrofe.

Il riconoscimento nel corso del tempo delle denominazioni d'origine non ha mutato molto lo scenario perché questo tipo di produzione è stata etichettata come scarsamente diversificata. Queste denominazioni infatti, coesistono in un territorio di limitata estensione, dove le condizioni climatiche degli areali vitati sono sostanzialmente uniformi e, seppur adeguate ai vitigni tradizionalmente usati, non giustificano la diversificazione esistente.

  Umbria

Negli ultimi decenni però, grazie all'avvio di un processo di riqualificazione del comparto teso soprattutto ad esaltare la qualità e a contenere i costi, si è assistito ad un'inversione di rotta.

Questo processo ha visto da un lato la riorganizzazione strutturale di molte aziende, con particolare riferimento al rinnovamento degli impianti viticoli, con una gestione degli stessi volta ad ottenere un prodotto di qualità capace di soddisfare le attese del mercato, e dall'altro la valorizzazione dei vitigni autoctoni regionali, al fine di produrre vini di elevata qualità e tipicità.

Per far fronte a questa esigenza è nata una stretta collaborazione fra l'Istituto di Coltivazioni Arboree dell'Università di Perugia e l'Agenzia Regionale Umbra per lo Sviluppo e l'Innovazione in Agricoltura (A.R.U.S.I.A.), che hanno focalizzato l'intervento specialmente su tre punti:

  • selezione genetica e sanitaria del patrimonio varietale autoctono,
  • riordino varietale e
  • inserimento dei vitigni autoctoni nell'assetto produttivo regionale.

Grazie a questo studio sono stati selezionati cloni molto interessanti e sono emerse importanti e chiare indicazioni sul comportamento di numerosi vitigni nelle diverse condizioni ambientali e colturali delle zone di produzione.

Come risultato, per le più importanti varietà autoctone oggi i viticoltori umbri possono avvalersi di cloni di qualità superiore, quali il Grechetto G5 ICA PG ed il Trebbiano Biotipo Procanico T34 ICA PG, che hanno dimostrato specifiche caratteristiche di qualità e adattabilità.

La ristrutturazione qualitativa ha comportato una parziale riduzione della superficie vitata complessiva, che oggi si attesta sui 15.815 ettari, dei quali 6.528 ettari sono adibiti alla coltivazione di varietà iscritte agli albi dei vini DOC/DOCG. Questo dato è stato tuttavia in costante aumento nel corso degli ultimi due anni. Attualmente le Denominazioni d'Origine regionali annoverano 2 DOCG, 11 DOC e 6 IGT.

La quantità media annuale di vino prodotto nell'ultimo triennio è di 930.000 ettolitri, di cui 320.000 circa rappresentano la produzione di vini DOC / DOCG. A fronte di 12 cantine sociali vi sono 120 aziende private produttrici e imbottigliatrici.

Il valore delle esportazioni ammonta a circa 17 milioni di €. I principali mercati d'importazione sono la Germania, gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, la Francia, la Svizzera ed il Canada.

Fra i vitigni autoctoni, per il Sagrantino esiste già il Decreto Ministeriale del 20 giungo 2002 che tutela il nome del vitigno, riservandolo esclusivamente alla DOCG 'Montefalco Sagrantino'. Gli altri due vitigni autoctoni, o di antica coltivazione nella regione, sono il Grechetto e il Trebbiano Spoletino, ambedue a bacca bianca. Ambedue rientrano, in uvaggio o come monovitigno, nella composizione di quasi tutti i vini DOC e IGT prodotti in Umbria. Per questo motivo è stata presentata al Ministero per le Politiche Agricole e Forestali richiesta di inserimento delle due varietà nella lista dei vitigni autoctoni o di antica coltivazione, al fine di tutelarli e valorizzarli ai sensi  dell'Accordo della Conferenza Stato - Regioni del 3 febbraio 2005.

DOC dei principali vitigni autoctoni

VITIGNO

DOC

DOCG

Ciliegiolo
  • Colli Amerini
  • Lago di Corsara
  • Rosso Orvietano

 

Grechetto
  • Assisi
  • Colli Amerini
  • Colli del Trasimeno
  • Colli Martani
  • Colli Perugini
  • Montefalco
  • Orvieto
Sagrantino
  • Montefalco
  • Montefalco Sagrantino
Sangiovese
  • Assisi
  • Colli Altotiberini
  • Colli Amerini
  • Colli del Trasimeno
  • Colli Martani
  • Colli Perugini
  • Montefalco
  • Rosso Orvietano
  • Torgiano
  • Torgiano Rosso Riserva
Trebbiano
  • Assisi
  • Colli Altotiberini
  • Colli Amerini
  • Colli del Trasimeno
  • Colli Martani
  • Colli Perugini
  • Montefalco
  • Orvieto

 

Verdello
  • Colli Amerini

I vini IGT dell'Umbria

IGT

PRINCIPALI VINI DA VITIGNO AUTOCTONO

Allerona

  • Canaiolo Bianco
  • Canaiolo Nero
  • Ciliegiolo
  • Dolcetto
  • Garganega
  • Grechetto
  • Verdello
  • Trebbiano Toscano
  • Sangiovese
  • Montepulciano
  • Verdello
  • Verdicchio Bianco
  • Vernaccia di San Gimignano

Bettona

  • Uno o più vitigni raccomandati e /o autorizzati per la provincia di Perugia

Cannara

  • Vernaccia ed eventuali altri vitigni a bacca rossa autorizzati e /o raccomandati per la provincia di Perugia

Narni

  • Ciliegiolo ed eventuali altri vitigni a bacca nera autorizzati e /o raccomandati per la provincia di Terni

Spello

  • Uno o più vitigni raccomandati e /o autorizzati per la provincia di Perugia

Umbria

  • Canaiolo Bianco
  • Canaiolo Nero
  • Ciliegiolo
  • Dolcetto
  • Garganega
  • Grechetto
  • Montepulciano
  • Sangiovese
  • Verdello
  • Verdicchio Bianco
  • Vernaccia di San Gimignano

 
 
Home
 

Web Architect: Loris Scagliarini