Contact UsItalian - Flavor Consortiu,Engliah Version
Italian - Flavor Consortiu,
Producers Products Italian - Flavor Consortiu, What We Do About Us
 
 
HOME
Produttori
  Diventa un Associato
  Registra Prodotti
Prodotti
  Vino
  Liquori
  Oli Vegetali
  Aceto Balsamico
  Altri Prodotti
Cosa Facciamo
  Consortium
  Forum
  Marketing e Pubblicità
NEWS
  Sorsi DiVino
  Italian Flavor Forum
  Premi e Concorsi Vinti
  Vitigni Autoctoni Italiani
  Indice Generale
Ricerca Avanzata
Chi Siamo
Contattaci
Mappa del Sito
English Version
Pagina Precedente

Vini e prodotti enogastronomici italiani di qualità selezionati da:
WineCountry.IT
Acquista vino italiano di qualità negli USA Acquista vino italiano di qualità negli USA
Visita la più ricca galleria virtuale di etichette di vino italiano • Oltre 1.000 immagini  Galleria Internet con oltre mille etichette di vino italiano

SEI QUI >>


Vitigni Autoctoni del Trentino Alto Adige – Prima Parte
Rosa D'Ancona – 1 Aprile 2007



Introduzione

 
In Trentino Alto Adige, o dovunque ti porta il tuo prossimo viaggio di piacere o lavoro, ricerca e prenota con sicurezza il tuo hotel su Internet.
 
Destinazione
Data check-in
Data check-out

Quando si parla di Trentino si pensa subito a questa regione come alla terra delle mele per eccellenza. Benché la frutticoltura rappresenti il fiore all'occhiello del comparto agricolo regionale, la viticoltura è riuscita a ritagliarsi un posto di tutto rispetto e grazie alla loro impronta territoriale inimitabile i vini di questa regione hanno dimostrato di sapersi confrontare con i fratelli dell'enologia nazionale e internazionale suscitando l'interesse dei consumatori.

Alle condizioni pedoclimatiche, che fanno di questa regione un vero e proprio microcosmo enologico, si unisce una tradizione vitivinicola che risale agli Etruschi per quanto riguarda il Trentino, mentre per l'Alto Adige risale agli Illiri. Si deve tuttavia ai Romani l'incentivazione e lo sviluppo della coltura della vite i forma estesa.

Il patrimonio viticolo consta di circa 14.000 ettari, di cui quasi 5.000 situati in provincia di Bolzano ed il resto in provincia di Trento.

La coltivazione della vite interessa 117 comuni in provincia di Trento e si estende su 9.591 ettari di vigneto, tutti in coltura specializzata e tutti destinati alla produzione di uve da vino. Le superfici vitate risultano dislocate per il 39% in fondovalle, per il 41% in collina ed il restante 20% in montagna.

  Trentino Alto Adige

È facile comprendere come le escursioni climatiche ed ambientali che si registrano passando dai 70 di elevazione degli appezzamenti della Vallegarina e del Basso Sarca, ai 900 metri della Valle di Cembra, producano uve con un'impronta territoriale assolutamente tipica.

La produzione annuale si attesta all'incirca su 1,2 milioni di ettolitri, 800.000 dei quali provengono dal Trentino ed i restanti 400.000 dall'Alto Adige. In effetti la provincia di Trento produce in media l'1,7% della produzione vinicola nazionale.

Per quanto concerne il Trentino il 60% della produzione è costituita da vini bianchi e il 40% da vini rossi e rosati. Va sottolineato che il 60% del vino prodotto in Trentino viene imbottigliata da operatori locali, mentre a livello nazionale la quota di vino imbottigliato leggermente inferiore al 40%. Questo trend lascia ben sperare sul fatto che nei prossimi anni la percentuale di imbottigliato possa collocarsi su valori ancora più elevati, con favorevoli risvolti sulla valorizzazione economica e sull'immagine della produzione vinicola locale.

Inoltre va rilevato che il 70% della superficie vitata è interessata alla produzione di uve DOC, mentre la rimanente quota è per lo più destinata alla produzione di uve IGT.

Attualmente il Trentino Alto Adige vanta sette DOC e quattro IGT. È inoltre in corso presso il Ministero delle Politiche Agricole la richiesta di riconoscimento della prima Denominazione di Origine Controllata e Garantita della regione per il Vino Santo Superiore.

Complessivamente, il 77% dei vini trentini si avvale del marchio DOC, ossia una delle percentuali più elevate a livello nazionale, dove la percentuale media è appena del 24% circa della produzione. Le denominazioni di origine trentine rappresentano circa il 5% della produzione italiana di vini DOC.

Per quanto riguarda l'ampelografia regionale il settore vitivinicolo Trentino ha fatto delle precise scelte per far fronte ai mercati, come ad esempio il progetto di far diventare il Trentino un territorio dedicato sempre più alla produzione di vini bianchi.

Alla luce di questa filosofia le varietà a bacca bianca rappresentano oggi il 56,5% della superficie vitata e Chardonnay, Pinot Grigio e Müller Thurgau sono le varietà maggiormente coltivate. Risultati interessanti sono inoltre stati stati ottenuti con Pinot Bianco, Traminer Aromatico, Riesling Renano, e Sauvignon Blanc. Accanto a queste trovano spazio varietà autoctone come la Nosiola, famosa oltre che per il vino in purezza anche per le grappe e per il Vino Santo.

Tra le varietà a bacca rossa, invece, troviamo vitigni internazionali quali Merlot, Cabernet e, in misura minore, Pinot Nero. Viene dato molto più risalto ai vitigni autoctoni quali il Teroldego, il Marzemino, la Schiava e l'Enantio.

Infine gli spumanti occupano un posto di rilievo fra vini trentini. La regione produce infatti una media di 8/9 milioni di bottiglie di spumante l'anno, di cui il 70% circa è rappresentato da spumante classico ed il 30% da spumante metodo charmat.

Lo spumante ottenuto con il metodo della rifermentazione in bottiglia (metodo classico) è individuabile quasi per intero nella DOC Trento, che rappresenta il 40% circa della produzione nazionale di spumante classico, che in totale ammonta a 16,5 milioni di bottiglie. Allo scopo di favorire una più precisa individuazione del prodotto da parte del consumatore e valorizzare ulteriormente la produzione nazionale, sia sul mercato interno che sui mercati esteri, è stata recentemente riconosciuta ufficialmente la menzione "Talento", riservata allo spumante metodo classico, ottenuto secondo determinate condizioni regolamentari da uve Chardonnay, Pinot Bianco e Pinot Nero.

I vini Trentini sono presenti nel mercato nazionale ed estero. I mercati esteri ai quali si rivolge il vino Trentino sono soprattutto gli Stati Uniti (43% per quantità e 51% in valore), la Germania (34% per quantità e 26% in valore) e la Gran Bretagna (11% per quantità e 11% in valore).

Un'altra importante produzione regionale è rappresentato dalle grappe, dove il connubio di tradizione e innovazione tecnologica ha consentito a questo prodotto di evolversi e imporsi sui mercati mondiali.

DOC dei principali vitigni autoctoni

VITIGNO

DOC

DOCG

Enantio
  • Trentino e Trentino Superiore
  • Valdadige
Lagrein
  • Alto Adige
  • Casteller
  • Lago di Caldaro
  • Trentino e Trentino Superiore
  • Valdadige
 
Marzemino
  • Trentino e Trentino Superiore
  • Valdadige
Nosiola
  • Trentino e Trentino Superiore
  • Valdadige
Schiava
  • Alto Adige
  • Casteller
  • Lago di Caldaro
  • Trentino e Trentino Superiore
  • Valdadige

 

Teroldego
  • Casteller
  • Teroldego Rotaliano
  • Trentino e Trentino Superiore
  • Valdadige


I vini IGT del Trentino Alto Adige

VINO IGT

VITIGNO AUTOCTONO

Delle Venezie

  • Marzemino

Mittemberg

  • Schiava

Vallagarina

  • Lagrein
  • Marzemino
  • Nosiola
  • Schiava
  • Teroldego

Vigneti delle Dolomiti

  • Nosiola
  • Schiava
  • Teroldego

 
 
Home
 

Web Architect: Loris Scagliarini